Typo 3 & E-Commerce

 

TYPO3 è un Web content management system pensato per l'amministrazione di siti web. Creato nel 1997 dal danese Kasper Skårhøj usando il linguaggio PHP, si appoggia a una banca dati gestita con MySQL.

TYPO3 possono essere aggiunti dei plugin che rendono più completo il prodotto o permettono di personalizzarlo e adattarlo alle singole esigenze dell’utente; di seguito esempi di alcuni plugin:

  • -  News (tt_news): pubblica notizie in diverse categorie e offre una archiviazione (automatica);
  • -  Template Auto Parser (automaketemplate): crea automaticamente un Template' da un file HTML;
  • -  htmlAreaRTE (rtehtmlarea): editor di testo
  • -  Frontend User Registration (sr_feuser_register): permette all'utente di registrarsi per accedere a parti protette del sito
  • -  RealURL: URLs like normal websites (realurl): indirizzi come quelli per pagine web statiche
  • -  Shop System (tt_products): sistema di commercio elettronico con tante funzioni
  • -  CHC Forum (chc_forum): gruppi di discussione
  • -  SEO: decine di estensioni assicurano una migliore visibilità del sito nei motori di ricerca

TYPO3 è un prodotto open source rilasciato sotto licenza GPL (General Public License).

 

E-Commerce

Con il termine E-Commerce si intende l’acquisto di beni e servizi effettuato tramite il Web. Pratica nata nei primi anni ’70, inizialmente prevedeva lo scambio di documenti di pagamento e presentava costi notevolmente elevati. Con il passare del tempo, il miglioramento della tecnologia (in particolare il World Wide Web) e l’abbassamento dei costi per lo sfruttamento di questa, il commercio online ha preso sempre più piede, fino a diventare un aspetto di rilevanza primaria per le aziende moderne.

Un Rapporto dell'Osservatorio eCommerce B2c Netcomm-School of Management del Politecnico di Milano del 2012 ha sottolineato come, in tale data, che il fatturato complessivo delle aziende italiane off-line che utilizzano il web per vendere i propri prodotti e/o servizi è di circa 10 miliardi di euro. I settori più importanti sono risultati il turismo(46%), l'abbigliamento(11%), l'elettronica-informatica(10%) e le assicurazioni on-line(10%).

Nel 2015 la Confindustria Digitale ha evidenziato che il mercato digitale vale 6.6 punti percentuali del PIL e occupa circa 700'000 persone.